Blog

Ascolto, leggo, scrivo, viaggio: questa è la mia storia, di Eleonora Galluzzo

25/01/2021

L’importanza della lettura come strumento di crescita personale, di conoscenza di sè e del mondo sta lentamente conquistando la consapevolezza del pubblico. Per questo si parla sempre più spesso di biblioterapia, distinguendo tra  Biblioterapia Umanistica, volta alla crescita personale, e  Biblioterapia Clinica che ha scopo terapeutico e psicoeducativo.  La lettura e il libro diventano nella Biblioterapia strumenti di promozione della salute e del benessere personale,  diventano un modo importante per prendersi cura di sé, come scriveva il grande Borges, poiché “ogni libro è un universo”: cura, conforta, nutre. 

 

#LIBRISENZAEFFETTICOLLATERALI

di Eleonora Galluzzo, Psicologa clinica

 

I libri stimolano la capacità di cura che ognuno ha dentro di sé.

Ed è partendo da questo assunto che desidero scrivere qualcosa di me prima di parlare dei miei  #librisenzaeffetticollaterali.

 

Ascolto

Sono una Psicologa Clinica e mi occupo di sostegno psicologico individuale e di gruppo a Torino, la mia amata città. Accolgo le emozioni e le storie di coloro che incontro e insieme affrontiamo un percorso di crescita interiore attraverso l’utilizzo di tecniche psicologiche attive. Oltre alla mia esperienza clinica, da diversi anni svolgo attività di orientamento professionale, di consulenza aziendale per la gestione delle risorse umane e di formazione professionale insegnando materie afferenti la psicologia e la comunicazione e l’empowerment.

Leggo

La lettura ha accompagnato la mia vita.

Potrebbe sembrare assurdo, ma ricordo con piacere le visite dal dentista della mia infanzia. Mio padre infatti, per rendere più spensierata l’incombenza sanitaria a cui ero sottoposta, ad ogni visita acquistava, nella libreria vicino allo studio dentistico, un libro che iniziavamo a leggere insieme aspettando il nostro turno nella sala d’attesa e poi finivo in autonomia nel tragitto di ritorno a casa. Leggo più di un libro alla volta e di generi totalmente diversi. Passo dai fumetti alle poesie, dai saggi di politica ai noir, dalla letteratura americana a quella indiana, dalle novelle ai racconti. I libri sono motivo di riflessione, svago, fonte d’ispirazione e di crescita interiore.

Scrivo

Non ho mai smesso, da quando ho imparato a farlo. Le lettere dell’alfabeto sono come mattoncini Lego con i quali costruisco edifici e strade sempre nuove. La scrittura è relazione, è libertà d’espressione creativa ed è sicuramente un mezzo per esternare pensieri ed emozioni che alla lunga potrebbero fermentare nella mente. Scrivo tanto, tutti i giorni, cambia solo lo scopo, ma non la mia attitudine. Possono essere racconti brevi o lettere d’amore e agli amici, poesie, post-it, appunti sull’agenda o relazioni di lavoro, cartelle cliniche, progetti europei, email, post sui social network e biglietti d’auguri. Insomma non voglio smettere.

Viaggio

Qual è il mio sogno? Viaggiare, sempre.

L’esperienza del viaggio è talmente emozionante ed ineffabile che è difficile riuscire a descriverla. Ci ho provato attraverso uno dei miei racconti, pubblicato nel 2020 nella raccolta Professione Viaggiatore della Idrovolante Edizioni, titolato Shiva è un ottimo guidatore. In questo racconto parlo di un momento del viaggio molto delicato: il rientro ovvero la situazione topica per eccellenza in cui l’adrenalina torna a scorrere lentamente e si torna nella propria comfort zone.

Viaggiare vuol dire conoscere, adattarsi, esprimersi in maniera diversa dal solito, fare i conti con se stessi e relazionarsi con persone nuove. Il viaggio è un’esperienza catartica, ovvero un processo di purificazione in senso emotivo, mentale e spirituale.

 Questa è la mia storia

Si parte sempre da se stessi ad esplorare il mondo. Per questo ho pensato di raccontarmi prima di raccontare. Sono ideatrice e autrice della pagina Instagram e Facebook titolata @librisenzaeffetticollaterali. La pagina, nata nel 2020, è uno spazio di condivisione, per spiegare cosa succede nell’adoperare, durante un colloquio psicologico, i libri e la lettura per avere un altro punto di vista nell’interpretazione della realtà.

A tale scopo utilizzo libri di ogni genere: romanzi, saggi, biografie, novelle, racconti e poesie. Non esistono libri perfetti e adatti a tutti per ogni momento della vita. A seconda della persona e della situazione posso adoperare citazioni, aforismi, dare brevi suggerimenti di lettura o leggere ad alta voce per chi non ama leggere in solitudine.

Incontro e aiuto le persone soprattutto quando stanno vivendo un momento difficile o un grande cambiamento. Ci si rivolge a me non solo quando si manifestano sintomi psicopatologici, ma anche per mettere ordine alle idee, per ricevere degli stimoli, per diventare più consapevoli e lucidi nel prendere delle decisioni.

Mi è capitato di consigliare Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman in cui si affronta il tema della depressione oppure leggere alcuni racconti di Etgar Keret e Stefano Benni per sdrammatizzare alcune situazioni o ancora far riferimento ad Alice nel paese delle meraviglie paragonando alcuni personaggi ai propri colleghi di lavoro. Utilizzo altresì la tecnica dello storytelling con chi ha difficoltà nel raccontarsi, ad esempio con chi è timido, introverso o chi ha difficoltà intellettive e di apprendimento.

 

La vita di ogni uomo è fatta di relazioni e può essere trasformata in una storia.

Ed è più semplice, attraverso la storia di un personaggio, parlare di sé e delle proprie paure.

Non esistono dunque libri di cui temere gli effetti collaterali se si viene guidati nella scelta e nella lettura da un professionista della relazione di cura.

Tags: biblioterapiaclinica, crescita personale, introspezione, lettura, passione, viaggio

Eleonora Galluzzo

3 risposte a “Ascolto, leggo, scrivo, viaggio: questa è la mia storia, di Eleonora Galluzzo”

  1. francesco GALLUZZO ha detto:

    Brava Eleonora, mi piace ciò che hai scritto ma soprattutto come l’hai scritto,sei molto sintetica e descrivi in poche righe il tuo pensiero.
    Ricordo molto volentieri le nostre visite dalla dentista.
    Complimenti.

  2. Marinella ha detto:

    Sei una persona speciale limpida e cristallina complimenti !!!

  3. stefano ha detto:

    la memoria dello scrittore, che gran cosa; ricordare le visite dal dentista da bambina legate ad un libro gran cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.