Blog

“Primo sole” di Andreas Okopenko

01/05/2022

Ecco, ora puoi chiudere un po’ gli occhi;

No, non così forte, solo un po’, tanto che le palpebre

fredde si posino sugli occhi.

 

Continuerai a vedere nel cielo un simile azzurro.

Quasi capirai dove di colpe se ne sia andata la neve.

Certo, ancora non puoi metterti sotto i tre pioppi lì allineati.

Comunque la cornacchia non c’è più. Oggi

ho sentito pigolare un vero uccello di buon mattino.

 

Non stai fuori ancora molto, per il momento.

Ma forse domani già potrai tenere un po’ più a lungo gli occhi chiusi.

Ora il sole crescerà di giorno in giorno.

E se tutto va bene presto è primavera.

 

 

Rivista “Poesia” (n. 303, aprile 2015)

traduzione di Gio Batta Bucciol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.