Blog

LEGAMI

04/01/2022

«Poiché la modesta intenzione di realizzare i diritti umani è, proprio per la sua semplice essenzialità, il progetto più grande e più difficile cui un uomo possa aspirare, nella società contemporanea le forze di un singolo individuo possono bastare a costruirsi una carriera, ma non a soddisfare il bisogno elementare di vivere un’esistenza umana […] e solo un popolo in comunità con altri popoli può contribuire a costruire sulla terra un mondo umano creato e gestito dalla collaborazione fra tutti gli uomini»

Hannah Arendt, “La lingua materna. La condizione umana e il pensiero plurale”, a cura di A. dal Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.