Blog

L’assemblea degli animali

24/11/2020

‘Signora dei fiori e del lavoro, amica della natura, messaggera d’amore, tu che nella tua saggezza organizzi, tra le stanze dorate dei tuoi alveari, il rinnovarsi della terra, metti ordine tu..
‘Ho difeso più volte la mano dell’uomo, perché la conosco. Conosco la sua intelligenza e la sua rabbia. Conosco il suo cuore e la sua paura. Anche la sua sofferenza. Il popolo delle api è tra i pochi ad aver raggiunto un accordo con quella giovane specie. Le abbiamo insegnato la pazienza e i movimenti lenti, la convivenza sociale, le abbiamo fatto capire che nessuna impresa può essere portata a termine da soli. ..siamo state generose del nostro tempo e delle nostre arti, perché speravamo che l’uomo imparasse che c’è una parentela tra la terra e il cielo, la psiche e la carne, il corpo e lo spirito, e questo universo si regge sui loro legami. Che la natura è un unico sistema fatto di infinte e meticolose connessioni, e il mondo ha un’unica anima, fatta di tutto ciò di cui noi, come dice il nostro bene, animali, siamo specchio. Che la sopravvivenza è di tutti, o di nessuno. Che il ciclo della vita, la legge di natura sono crudeli ma non stupidi. Si distrugge solo per creare, e ciò che è creato verrà distrutto, e così all’infinito.’

Filelfo, L’assemblea degli animali, ed. Einaudi

Una favola moderna appassionata e ricca di citazioni letterarie. L’idea che ci sia un’anima del mondo che tutto unisce e il desiderio di mettersi dalla parte della natura violata e maltrattata, si collegano al disagio della mente umana causato dalla rimozione della sofferenza del pianeta e del gli animali. Un racconto morale per grandi e bambini che invoca le forze benefiche a favore di una bellezza e di un’armonia di cui tanto necessitiamo.
Un capolavoro.

Tags: favola, natura, uomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.