Blog

La voce che senti quando leggi in silenzio di Thomas Lux

18/05/2021

La voce che senti
quando leggi in silenzio

non è muta, è una voce
che parla ad alta voce nella tua testa: è pronunciata,
una voce la dice
mentre leggi. Sono le parole dello scrittore,
ovviamente, in senso letterario
la sua voce, ma il suono
di quella voce è il suono della tua voce.
Non il suono che i tuoi amici conoscono
o il suono di un nastro riprodotto,
ma la tua voce
catturata nell’oscura cattedrale
del tuo cranio, la tua voce udita
da un orecchio interno informato da abstract interni
e quello che sai sentendo,
avendo sentito. È la tua voce che
dice, per esempio, la parola granaio
che lo scrittore ha scritto
ma il granaio che dici
è un granaio che conosci o conosci. La voce
nella tua testa, che parla mentre leggi,
non dice mai nulla in modo neutro: alcune persone
odiavano il granaio che conoscevano,
alcune persone adorano il granaio che conoscono,
quindi senti la parola carica
e una costellazione sensoriale
è illuminata: bancarelle rosicchiate da cavalli,
fienile, nastro termico nero che avvolge
una pipa ad acqua, un
cinguettio scivoloso di avena versato da un sacco diviso,
le cosce ossute e sporche delle mucche …
E il granaio è solo un sostantivo – nessun verbo
o soggetto è ancora entrato nella frase!
La voce che senti quando leggi a te stesso
è la voce più chiara: la parli
parlando con te.

 
Thomas Lux

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.