Blog

IL CANTO DELLA DURATA di Peter Handke

14/02/2021

Il canto della durata è una poesia d’amore.

Parla di un amore al primo sguardo

seguito da numerosi altri primi sguardi.

E questo amore

ha la durata non in qualche atto,

ma piuttosto in un prima e in un dopo,

dove per il diverso senso del tempo di quando si ama,

il prima era anche un dopo

e il dopo anche un prima.

Ci eravamo già uniti prima di esserci uniti,

continuavamo ad unirci

dopo esserci uniti

giacendo così per anni, fianco a fianco, il respiro nel respiro

uno accanto all’altra.

I tuoi capelli bruni si coloravano di rosso

E diventavano biondi.

Le tue cicatrici si moltiplicavano

e diventavano più introvabili.

La tua voce tremava,

si fece ferma, sussurrava, trasaliva,

si volgeva in una cantilena,

era l’unico suono nella notte del mondo,

taceva al mio fianco.

I tuoi capelli lisci diventarono ricci,

i tuoi occhi chiari diventarono scuri,

i tuoi denti grandi si fecero piccoli.

Sulle tue labbra tese

apparve un disegno fine e delicato,

sul mento sempre liscio

scoprii al tatto una fossetta che prima non c’era

e i nostri corpi invece di farsi male a vicenda

diventavano giocando uno solo,

mentre sulla parete della stanza

alla luce dei lampioni

si muovevano le ombre dei cespugli dei giardini d’Europa,

le ombre degli alberi d’America.

da Il Canto della durata, Peter Handke

Tags: amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.