Blog

Da “Tutto è sempre ora” di Antonio Prete

03/12/2021

L’odore degli inverni

 

L’odore degli inverni nel ricordo

non è gelida astrazione, è la strada

che svolta silenziosa tra i carrubi,

la bicicletta che sguazza balzando

nella mota, lo scroscio

che dall’alba flagella la scogliera.

È il suono dei tuoi passi

dans la foret des Vosges.

L’approdo nel tepore della malga

dopo il giorno tra i larici,

mentre sale la luna sul crinale.

 

È l’occhio delle Pleiadi

sul tuo notturno viaggio.

 

L’odore degli inverni

è la carta dei sentimenti sepolta

nella neve, è la carta dei pensieri

che turbina, sopra il lago ghiacciato,

nel vortice del tempo che è già stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.