Blog

Al giardino ancora non l’ho detto di Pia Pera

29/07/2020

‘Adesso che tutto questo è alle spalle, che tutto questo è impossibile, resta solo il mondo. Quella parte di mondo, si natura, che è fonte di gioia purissima, disinteressata credo, o forse fine a se stessa, non asservita al criterio di utile, di riproduzione, del cosiddetto amore, dell’accoppiamento, della compagnia, di avere chi ci capisce al fianco, adesso è tutto soltanto pura bellezza…Vedo un’infinità di particolari che danno gioia e insieme ispirano quasi sgomento, di fronte a tanta bellezza, ma anche pace guardando questa Rosa Laevigata ancora una volta sbocciata in tutto il suo splendore. Guardo i fiori di questa primavera e nulla ricordo di quello delle stagioni passate.’
.

Pia Pera da Al giardino ancora non l’ho detto.
.
Il principio di ‘trasformazione’ vuole che le cose mutino conservando invariata la loro sostanza. L’aspetto esteriore si modifica, cresce, decresce, evolve nel tempo e nello spazio, mantenendosi fedele a un nucleo centrale che non cambia ma ‘diviene’ secondo le regole del perenne fluire…
E così il giardino.
E così l’uomo.

…Un bellissimo libro, intenso e dolcissimo.

Una replica a “Al giardino ancora non l’ho detto di Pia Pera”

  1. LINDA LIGUORI ha detto:

    Una lettura sconvolgente, forte e delicata. Lei con la sua lucida consapevolezza del suo destino, del poco tempo che le rimane; e la pienezza di ogni istante, di ogni pensiero che dedica al suo giardino, alle sue rose, alle sue forbici, al bisogno delle sue cure. Il titolo è ineguagliabile. Una perdita infinita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.